Alessandro Assiri – L’anno in cui finì Carosello

blindati a bologna 77
Blindati in Via Zamboni, Bologna 1977

“disoccupate le strade, dai sogni, 
disoccupate le strade dai sogni 
sono ingombranti, inutili, vivi 
i topi e i rifiuti siano tratti in arresto 
decentreremo il formaggio e gli archivi.”
(Claudio Lolli, Incubo numero zero)

L’anno cui fa riferimento il titolo della silloge di Alessandro Assiri è il 1977: fu proprio nel giorno di Capodanno che andò in onda, per l’ultima volta, Carosello.
Fu indubbiamente un anno di cambiamenti per la televisione italiana. Di lì a poco, infatti, iniziarono ufficialmente le trasmissioni a colori: era il 1° febbraio.
Ma per chi è di Bologna sono ben altri i ricordi legati al 1977, anzi al Settantasette.
L’uccisione di Francesco Lorusso la mattina dell’11 marzo in Via Mascarella, i blindati in Via Zamboni, il pianoforte in mezzo alle barricate che intona Chicago di Graham Nash, le vetrine spaccate, i cortei, la polizia. E poi il rock demenziale, il punk che arriva dall’Inghilterra come una folata di vento che ti penetra le ossa, le storie di Andrea Pazienza, le canzoni di Claudio Lolli, i collettivi, la gioia e la rivoluzione, la rabbia e l’ironia, le canne e le pere.

andrea pazienza - mostro
Disegno di Andrea Pazienza

Bologna la rossa si ritrovava improvvisamente colpita e ferita: Bologna è rossa, rossa di vergogna, si gridava nei cortei. Il sindaco era Renato Zangheri, intellettuale galantuomo che nel corso del suo mandato visse anche la strage fascista del 2 agosto 1980 alla Stazione Centrale.
Il ministro degli Interni era Francesco Cossiga (per molti, all’epoca, KoSSiga, scritto con la kappa e la doppia esse in carattere runico), futuro Presidente della Repubblica, quello delle leggi speciali e della polizia in borghese che sparava ad altezza d’uomo (Roma, 12 maggio 1977: uccisione di Giorgiana Masi).
Che anno fu il Settantasette? Anno magnifico di pulsioni e ribellioni o annus horribilis di sogni finiti sul nascere?
Nel centro di Bologna si spacciava, allora come oggi: scenari in parte mutati e in parte rimasti uguali, nuove cornici e vecchie devastazioni.
È in questi scenari che si muovono Caterina e lo sciancato, gli antieroi tragici e disperati le cui vicende sono al centro della raccolta L’anno in cui finì Carosello, di Alessandro Assiri (Le Voci della Luna, 2018). Per chi ha già avuto a che fare con la scrittura di Assiri sono personaggi conosciuti: il poeta li fa rivivere ancora una volta nelle poche, ma densissime pagine di questa silloge.
Le strade del centro di Bologna (Via Mascarella, Via Fondazza, Via San Vitale) fanno da sfondo al loro peregrinare: un viaggio senza speranza, con una zavorra di disperazione che pesa sempre di più sulle spalle, verso un epilogo inevitabilmente tragico. C’è anche la periferia, il quartiere della Bolognina: (e indicava con il dito quel cazzo di quartiere della svolta del partito), simbolo di una città e di una classe operaia non ancora consapevoli del mutamento di pelle che sarebbe avvenuto negli anni a venire.
I corpi sono sofferenti (i corpi del disturbo, come li definisce Alberto Masala nella sua prefazione): barcollano, si trascinano, si muovono con lentezza e Assiri fa scattare avanti e indietro la propria scrittura come fosse una moviola.
I versi sono tagli di lama nel costato, sono graffi d’inchiostro sul muro, sono liquido amaro che cola sulla pagina: per dirla con Lorenzo Mari “quella di Alessandro Assiri è una poesia che resta nella carne”.
In calce alla raccolta c’è una nota, dolente e spietata: 28.000 consumatori di oppiacei nel 1977 diventeranno oltre 93.000 nel 1981. In queste cifre il disperato bilancio di una generazione che, non sola e non ultima, ha perso: Assiri ne racconta la sconfitta con la sua poesia, con i suoi versi di appassionato realismo e feroce bellezza.

Alcuni testi tratti da L’anno in cui finì Carosello:

Aggiungi qualche mancanza come sale Mascarella con la neve
civico 59
senza aspettarsi meraviglie giusto il tempo dei vivi quelli fabbricati
in serie avverbi dei passivi
Ho padri e scintille l’eskimo con le scritte il tascapane con le spille

* * *
Lo sciancato sciupava i quarti d’ora interrompendoli di felicità
sgretolata sapeva a memoria i nomi degli eroi e di tutti i ciechi
vicini a 30 anni indecisi quanto lui tra il crescere e l’invecchiare o
cambiare nome per essere un altro

* * *
Caterina si ritira da un cielo che si ripete come a volte ci si vorrebbe
ritirare dalle antologie
perché in fondo non piace stare in compagnia del talento
che è un male incurabile delle pagine perfette senza quasi

* * *
Caterina è buio che bussa
tace in qualche lingua
si rigira come Morfeo che non ha sonno
congeda le mancanze viaggiando al contrario
così vede meno la vita che viene e guarda quella che va
a sfumare con il vino i traguardi esagerati
i ragni nella stanza i luoghi ritrovati

* * *
Lo sciancato ha cieli strapieni di ossessioni che volano ha i giorni
corti del lutto senza i morti un calendario di appuntamenti in
anticipo e altri rimandi un mondo piccolo ma fatto da grandi

* * *
Ti ho rivisto in San Vitale nell’attimo esatto in cui l’alba diventa
mattina eri già morto come prima soltanto un po’ più storto. Avrei
voluto dirti lasciami in pace ma a cancellarti ci ha pensato la luce.

(da: Alessandro Assiri, L’anno in cui finì Carosello, Le Voci della Luna, 2018)

Alessandro Assiri è nato a Bologna nel 1962. Scrive da anni opere in versi. Tra le sue pubblicazioni: La stanza delle poche righe (Manni Editore), Cronache della città parallela, Poemetto in versi insieme a Serse Cardellini (Thauma Edizioni), In tempi ormai vicini (CFR Edizioni), Lo sciancato e Caterina (CFR Edizioni), Lettere A.D. (LietoColle).
Con L’anno in cui finì Carosello ha vinto il Premio Renato Giorgi 2018 nella sezione Raccolta inedita.

Annunci

Risorse umane

Il posto - Ermanno Olmi, 1975
Un’immagine dal film “Il posto” di Ermanno Olmi (1961)

La foto è tratta dal capolavoro di Ermanno Olmi Il posto (1961), film che visto oggi non ha perso nulla della propria straordinaria modernità: attuale a quasi sessant’anni dalla sua uscita.
Il travèt è stato rimpiazzato, ma non tutto è andato per il meglio.
Qualcuno forse ha sbagliato i conti e forse qualcun altro li ha fatti fin troppo bene.
Dalla raccolta inedita Coleoptera, un testo sul mondo del lavoro, sulle persone e il personale, sulle risorse umane e sulla loro disumanizzazione.

risorse umane

filtra la luce dall’ampia finestra s’
irradia sulla copia di Klee alla parete
stravolge geometrie e cosmi macchiati
la kenzia nell’angolo   il sottomano in
pelle il notebook ultrasottile   poi quella
gentilezza così fuori luogo   quel falso
sorriso da boia ben pagato curato nel
vestire col suo fresco lana grigio
chiede di mettere una firma   si duole
è il mercato globale   la concorrenza
si sa a volte è sleale   dice buona fortuna
risparmia la bocca del lupo stavolta
la targhetta sulla porta dice che il
mondo va avanti   per fortuna   prima
eravamo personale   ora siamo
risorse umane

(Enea Roversi, 2018)

IterziGiovedìDiVersi: il programma completo

terzi giovedì locandina

9 serate di recital e spettacoli
dal 18 ottobre 2018 al 20 giugno 2019 ogni terzo giovedì del mese
Bologna, via Azzo Gardino 48, centro culturale Costarena

Direzione artistica: Silvia Secco
Staff: Luca Ariano, Daniele Barbieri, Alberto Cini, Gianfranco Corona, Francesca Del Moro, Enea Roversi, Claudia Zironi.

Le attività di ideazione e realizzazione della rassegna Igiovedìdiversi sono volontarie e frutto di autofinanziamento. L’ingresso agli spettacoli è da ritenersi libero, con la possibilità di contribuire alle spese organizzative secondo la modalità di acquisto dei libri esposti, di offerta libera all’ingresso o di iscrizione all’associazione Versante ripido.

Programma completo de IterziGiovedìDiVersi:

18 ottobre 2018
“Ursprungliches Leben – poesia e pittura in dialogo” recitaldi e con Silvia Secco e Claudia Zironi, proiezione delle immagini delle opere pittoriche di Martina Dalla Stella, musica dal vivo di Emma Gustafson.
Presentano Enea Roversi e Francesca Del Moro.

15 novembre 2018
“La Pacchia è strafinita”: recital di reazione. Con testimonianze dirette sull’integrazione. Con alcuni dei poeti autori dei testi presenti nell’omonima antologia a cura di Versante ripido: Bartolomeo Bellanova, Julka Caporetti, Alessandro Silva, Katia Sassoni, Gianfranco Corona, Francesco Prascina, Vincenzo Mastropirro. Musica dal vivo.
Presentano Francesca Del Moro e Claudia Zironi.

20 dicembre 2018
“Rose gialle in una coppa nera. Club Pavese+Tenco”. Spettacolo del decennale di ARTS FACTORY, Collettivo Artistico dedicato a Cesare Pavese e a Luigi Tenco nel 110° e nell’80° anniversario delle loro nascite. Con Adriana Maria Soldini, Francesca Del Moro e Federica Gonnelli.
Presentano Enea Roversi e Luca Ariano.

17 gennaio 2019
“Sulla punta di una matita” proiezione del film di Viviana Nicodemo sul poeta Milo De Angelis. Seguirà conversazione con Nicodemo e De Angelis che saranno presenti in sala.
Presentano Silvia Secco e Daniele Barbieri.

21 febbraio 2019
“Readingset” – lettura performativa, proiezioni e DJ Setsulla “questione di genere”, di e con Fabrizio Tagliaferri (Poetry performer) e Andrea Leonardi (DJ Performer).
Presentano Daniele Barbieri e Silvia Secco.

21 marzo 2019
“Poesia e Thanatos”, il poeta e la morte si confrontano in una condivisa liturgia. Proiezione del film realizzato in occasione della rassegna “Alla fine dei conti – Riflessioni sulla vita e sulla morte” 2017 in collaborazione con Mantova Poesia. Seguirà un excursus nella poesia sul tema della morte a cura di Stefano Iori. Sarà presente la curatrice della rassegna “Alla fine dei conti” Elena Alfonsi, studiosa delle tematiche del dopo-vita.
Presentano Claudia Zironi e Luca Ariano.

18 aprile 2019
“Una comunità poetica europea: testimonianze in versi di una possibilità”. Serata in collaborazione con il Centro culturale Costarena e con altre associazioni aderenti al progetto di discussione in funzione del bene comune, della socialità e della condivisione verso elezioni europee consapevoli.

16 maggio 2019
“Affondata sul lavoro” recital di Serena Piccoli, con Serena Piccoli e Francesca Del Moro. Musica dal vivo.
Presentano Silvia Secco e Luca Ariano.

20 giugno 2019
“Un secolo di poesia: il ‘900 Italiano”, serata conclusiva della rassegna: percorso letto e musicatoattraverso alcuni tra i poeti più significativi del 900 italiano. Letture di Luca Ariano e musiche di Alberto Padovani (ManìnBlù).
Presentano Francesca Del Moro e Enea Roversi.

Poesia, suoni, visioni, performance: IterziGiovedìDiVersi è questo e non solo.
E poi avremo il piacere e l’onore di ospitare Milo De Angelis, uno dei nomi più importanti della poesia italiana contemporanea.
Grazie a tutti coloro che vorranno seguirci.

Il programma in pdf scaricabile è disponibile qui

cropped-Versantexstampa-copia_risultato-2-3

Forum Anterem 2018: il programma completo

locandina_forum_2018_mini
Il tradizionale appuntamento autunnale con il Forum Anterem si svolgerà quest’anno nelle seguenti giornate: sabato 20 ottobre, giovedì 25 ottobre, venerdì 26 ottobre, sabato 27 ottobre 2018. Nel mese di marzo 2019 ci sarà poi una serie di eventi speciali.
Direttamente dal sito http://www.anteremedizioni.it, ecco le note introduttive e il programma completo del Forum:

Un grande Forum di poesia, filosofia, musica, arte.
Hanno dato la propria adesione: 49 poeti e 11 relatori.
Più di 300 studenti di 4 Istituti superiori, guidati da 10 docenti,
si misurano con un’affascinante tematica: “oltre le apparenze”

Come ogni anno, in coincidenza con le cerimonie conclusive del Premio Lorenzo Montano, la rivista “Anterem” promuove – in collaborazione con la Biblioteca Civica di Verona – un Forum di poesia curato da Agostino Contò, Flavio Ermini e Ranieri Teti.
Sono in cartellone molti appuntamenti nel corso dei quali la poesia incontra la filosofia, la musica, l’arte. Tali eventi si svolgono da sabato 20 ottobre a sabato 27 ottobre 2018 negli spazi della Biblioteca Civica di Verona, via Cappello 43.
La finalità è di far emergere – grazie a momenti di forte intensità intellettuale e con interventi di grande rilievo – l’intima relazione che unisce la poesia e le complesse problematiche del nostro tempo.
L’ingresso è libero fino all’esaurimento dei posti.

Programma del forum, a cura di Agostino Contò, Flavio Ermini e Ranieri Teti

sabato 20 ottobre 2018 – mattino

ore 10.00-10.15
INAUGURAZIONE DEL FORUM ANTEREM
Saluti delle Autorità

ore 10.15-11.00
«Com’è necessario e nelle regole»
FRANCO VERDI
POETA E ARTISTA VISIVO
Mostra a cura di Agostino Contò
Relatori: Agostino Contò, Alberto Tomiolo
Finissage: 24 novembre 2018

ore 11.00-12.00
OLTRE LE APPARENZE
Interventi creativi e teorici degli studenti del Nuovo Liceo Artistico “Nani – Boccioni” di Verona, in previsione della mostra che si terrà dal 16 marzo al 22 aprile 2019

sabato 20 ottobre 2018 – pomeriggio

ore 14.15-15.20
LAURA CACCIA INTRODUCE LE LETTURE DEI POETI
Martina Campi, Riccardo Deiana, Fernando Della Posta, Roberto Fassina, Raffaele Floris, Vincenzo Lauria, Stefania Portaccio, Enea Roversi, Fausta Squatriti

ore 15,20-15.40
LA CRITICA ITALIANA DI FRONTE ALLA POESIA CONTEMPORANEA
Riflessioni di Stefano Guglielmin

ore 15.40-16.45
RANIERI TETI INTRODUCE LE LETTURE DEI POETI
Doris Emilia Bragagnini, Lia Cucconi, Anna Maria Dall’Olio, Antonella Doria, Franco Falasca, Fabia Ghenzovich, Marco Mioli, Francesca Monnetti, Alfredo Rienzi, Sergio Sichenze

ore 16.45-17.05
IL TERZO PAESAGGIO DEL LINGUAGGIO
“Non aspettar mio dir più né mio cenno”
Riflessioni di François Bruzzo

ore 17.05-17.25
OPERA PRIMA
Flavio Ermini introduce le letture poetiche di Iria Gorran e Claudio Zanini

ore 17.25-17.40
Riflessioni di Alberto Tomiolo e Agostino Contò sul lavoro di Franco Verdi e sulla poesia di ricerca degli anni Settanta

ore 17.40-18.30
DAVIDE CAMPI INTRODUCE LE LETTURE DEI PROSATORI
Rinaldo Caddeo, Paola Casulli, Paolo Ferrari, Ettore Fobo, Giulia Martini, Alessandro Mazzi

ore 18.30-19,00
LA POESIA CHE VERRÀ
Gli autori segnalati al Premio Lorenzo Montano leggono il loro testo più recente

AL PIANOFORTE FRANCESCO BELLOMI

giovedì 25 ottobre 2018 – mattino

ore 9.30-10.00
OLTRE LE APPARENZE
Jana Balkan e Isabella Caserta leggono testi di Umberto Bellintani, Walter Benjamin, T.S. Eliot

ore 10.00-10.30
LA VITA OLTRE LE APPARENZE
Riflessioni di Lorenzo Gobbi

Ore 10.30-12.00
LA VITA OLTRE LE APPARENZE
Interventi creativi degli studenti dell’Istituto Tecnico Commerciale Lorgna-Pindemonte di Verona

venerdì 26 ottobre 2018 – mattino

ore 9.30-10.00
OLTRE LE APPARENZE
Jana Balkan e Isabella Casertaleggono testi di Casimiro de Brito, Michael Hamburger, Philippe Jaccottet, Paola Malavasi, Pier Paolo Pasolini, Sylvia Plath, Dylan Thomas, Søren Ulrik Thomsen, J. Rodolfo Wilcock, Virginia Woolf

ore 10.00-10.30
LA VERITÀ OLTRE LE APPARENZE
Riflessioni di Laura Liberale

Ore 10.30-12.00
LA VERITÀ OLTRE LE APPARENZE
Interventi creativi degli studenti del Liceo delle Scienze Umane Montanari di Verona

sabato 27 ottobre 2018 – mattino

ore 9.30-10.00
OLTRE LE APPARENZE
Jana Balkan e Isabella Caserta leggono testi di Samuel Taylor Coleridge, Franz Kafka, Fernando Pessoa, William Shakespeare, Robert Walser

ore 10.00-10.30
IL TEMPO OLTRE LE APPARENZE
Riflessioni di Marco Ercolani

Ore 10.30-12.00
IL TEMPO OLTRE LE APPARENZE
Interventi creativi degli studenti del Liceo Scientifico Fracastoro di Verona

sabato 27 ottobre 2018 – pomeriggio

ore 14,15-14.45
MARA CINI INTRODUCE LE LETTURE DEI PROSATORI
Allì Caracciolo, Adelio Fusé, Nicola Licciardello, Ambra Simeone

ore 14.45-14.50
LETTURA DI GIAN PAOLO GUERINI
a due voci con Silvia Comoglio

ore 14.50-15.10
OMAGGIO AD ADRIANO SPATOLA A TRENT’ANNI DALLA MORTE
Riflessioni di Agostino Contò.
Letture di Jana Balkan e Isabella Caserta

ore 15.10-16.15
GIORGIO BONACINI INTRODUCE LE LETTURE DEI POETI
Daniele Barbieri, Nicoletta Bidoia, Fabrizio Bregoli, Lella De Marchi, Patrizia Dughero, Marica Larocchi, Romano Morelli, Francesco Vasarri

ore 16.15-16.35
POESIA E FOLLIA
Riflessioni di Marco Ercolani con letture di Lucetta Frisa

ore 16.35-17.00
MARCO FURIA INTRODUCE ìLE LETTURE DEI POETI
Silvia Comoglio, Margherita Orsino, Massimo Rizza

ore 17.00-18.00
PREMIAZIONE DEI VINCITORI
UMBERTO MORELLO per “Raccolta inedita”
IRENE SANTORI per “Opera edita”
LIA ROSSI per “Una poesia inedita”
PATRIZIA SARDISCO per “Una prosa inedita”

Il compositore Francesco Bellomi dedicherà un originale brano musicale a ciascuna delle opere vincitrici

ore 18.00-18.45
L’ULTIMA PAROLA
Gli autori finalisti e vincitori del Premio Lorenzo Montano leggono il loro testo più recente

EVENTI SPECIALI

sabato 16 marzo 2019 – mattino

L’ARTE IN MOSTRA

ore 10.00-10.15
OLTRE LE APPARENZE

INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA DEGLI STUDENTI DEL NUOVO LICEO ARTISTICO “NANI – BOCCIONI” DI VERONA,
Finissage: 22 aprile 2019
sabato 16 marzo 2019 – pomeriggio

EDITORIA E POESIA

ore 14,15-16.00
PRESENTAZIONI CRITICHE E LETTURE DEI POETI SEGNALATI DELLA SEZIONE “OPERA EDITA” DEL XXXII “MONTANO”
Introduce Flavio Ermini

ore 16.00-16.30
ITINERA. BIBLIOTECA ANTEREM
Presentazione del libro Geologia di silenzi
di Gian Giacomo Menon (1910-2000)
Interviene il curatore Cesare Sartori

ore 16.30-18.00
PRESENTAZIONI CRITICHE E LETTURE DEI POETI FINALISTI DELLA SEZIONE “OPERA EDITA” DEL XXXII “MONTANO”
Introduce Rosa Pierno

ore 18.00-19,00
LA POESIA CHE VERRÀ
Gli autori finalisti e segnalati al Premio Lorenzo Montano leggono il loro testo più recente

NEL CORSO DEL POMERIGGIO INTERVENGONO GLI EDITORI

AL PIANOFORTE FRANCESCO BELLOMI

anterem

 


 

Premio Lago Gerundo 2018: i risultati

Drago_Tarantasio
Disegno raffigurante il drago del Lago Gerundo eseguito da Ulisse Aldrovandi.

I risultati della XVI Edizione del Premio Letterario Internazionale “Lago Gerundo”:
SEZIONE NARRATIVA EDITA
Primo Premio: Marco Braico Teorema del primo bacio Edizioni Piemme, 2017
Secondo Premio: Antonella Cavallo Anima buia Edizioni Sensoinverso, 2017
Terzo Premio: Marco Speciale Il nome della notte ExCogita, 2017
Premio “Romanzo storico
Luigi Barnaba Frigoli Maledetta serpe Meravigli Edizioni, 2016
Menzione Speciale
Marina Bertamoni Chi muore giace Fratelli Frilli Editore, 2017
Chiara Lossani Le ribelli di Challant Rizzoli, 2014
SEZIONE NARRATIVA INEDITA
MORELLINI EDITORE
Primo Premio: Sarah Pellizzari Rabolini Anna e Ananke
Premi L’Edizione
Cristiano Caracci Fermo Posta
Ughetta Lacatena La Peppa, Rialiti
Cataldo Russo I tre fratelli, Il mulo matto
SEZIONE POESIA EDITA
Primo Premio: Fulvio Fedele Acquamadre Book Editore, 2002
Secondo Premio: Raffaele Floris Mattoni a vista Puntoacapo Editrice, 2017
Terzo Premio: Annalisa Ballarini Specchio a figura intera LietoColle, 2017
Premio Speciale della Giuria
Rodolfo Vettorello Spesso il male di vivere ho incontrato Leonida Edizioni, 2018
Premio Speciale della Presidenza
Franco Cajani Sognando all’indietro Hungarovox Kiadò, 2018
SEZIONE POESIA INEDITA
PUNTOACAPO EDITRICE
Primo Premio: Raffaele Floris Senza margini di azzurro
Premi Speciali
Rossano Onano Rerum Banalium Fragmenta
Enea Roversi Coleoptera
Menzioni Speciali
Lida de Polzer Il soffio
Patrizia Santi Il tempo opportuno
Giancarlo Stoccoro La disciplina degli alberi
Premio Speciale della Presidenza
Giuseppe Denti Milano ossessionatamente
SEZIONE TEATRO
Primo Premio: Fabio Sicari Riunione di reparto
Secondo Premio: Pietro Aleotti Serajevo, Bosnia e il rinoceronte di pezza
Terzo Premio: Francesco Scotto In gabbia
Premio Speciale alla carriera
Gennaro Aceto
Menzioni Speciali
Alessandro Calabrìa La pensione del desiderio (Edizioni Nuove Scritture, 2018)
Benedetto Mortola Giulietta e Romeo 25 anni dopo
Maria Carmela Mugnano Biglietto cumulativo (alla Torre d’Estèl)
PERLASCENA non periodico per una drammaturgia dell’oggi
Premio L’Edizione
Pietro Aleotti Serajevo, Bosnia e il rinoceronte di pezza
Menzione Speciale
Fabio Pisano Wet floor
SEZIONE SAGGISTICA
Primo Premio: Roberta Grandi King Lear dopo Shakespeare. Adattamenti, riscritture,
burlesques (1681-1860) Aracne Editore, 2013
Secondo Premio: Domenico Lovascio Un nome, mille volti. Giulio Cesare nel teatro inglese della prima età moderna Carocci Editore, 2015
Terzo Premio: Paolo Albani A teatro? Non ci vado più La città e le Stelle, 2009
Premio “Franchino Gaffurio” (Storia della musica)
Alessandro Pierfederici Oltre le colonne d’Ercole
Premio alla memoria
Sergio Villa per la Storiografia locale
Premio “Città di Paullo” alla memoria
Francesco Aquilino (Poeta)
Premio Speciale della Presidenza
Sabrina Landi Malavolti Sinfonie, fantasie, stornelli toscani e arie dedicate a Giotto da
Giotto la casa, il colle di Vespignano Masso delle Fate, 2017
Franco Maria Morabito curatore del volume Francesco Aquilino. Articoli,
racconti, poesie dal 1993 al 2013 Città di Paullo, 2018
La cerimonia di premiazione si terrà sabato 13 ottobre 2018 alle ore 16.30 presso la Sala Consiliare e delle Conferenze – Piazza della Libertà, 1 – Paullo (MI).
lago gerundo 2018 locandina cerimonia

Coleotteri

Germaine Richier - Beetles - 1951
Germaine Richier – Scarabées (1951)

L’uomo, il coleottero, la soluzione possibile, l’ipotesi, la cura, la linea nell’aria, il volo radente, forse,

coleotteri

forse la soluzione potrebbe stare nel
vivere come un coleottero qualunque
tra miliardi di simili incompresi e vacui
con la disinvoltura del saprofago
che sceglie con cura ogni sostanza
sorvolare inquietudini e tormenti
disegnando nell’aria la naturale
linea di voli radenti e ben calibrati
un organismo anonimo e ronzante
sbeffeggiatore di teste umane
inopportuno trasvolatore in cerca
di

(Enea Roversi, 2018)

Bologna in Lettere 2019, si (ri)comincia

logo-bil-300x147

Bologna in Lettere riparte: la VII edizione del Festival Multidisciplinare di letteratura Contemporanea ha come titolo Disseminazioni e culminerà nelle giornate finali di Maggio 2019.
Per (ri)cominciare, sabato 29 settembre 2018 presso Millenium Gallery, Via Riva di Reno 77/a, Bologna, dalle ore 17.30 ci sarà la serata di letture dedicata ai poeti vincitori dei premi speciali del Presidente di giuria e ai segnalati dell’edizione 2018 del Concorso Letterario per poesia edita e inedita di Bologna in Lettere.
locandina 29.09.18.jpg