DFW, otto anni dopo

ralph-goings-golden-dodge-1971
Ralph Goings – Golden Dodge (1971)

Il 12 settembre del 2008 David Foster Wallace viene trovato morto nella sua casa di Claremont dalla moglie Karen Green.
Ci ha lasciato una produzione impressionante, per quantità e qualità.
Eppure, quelle migliaia di pagine sono poche in confronto a quelle che avrebbe potuto ancora scrivere, considerando che ha messo fine alla propria vita a 46 anni.
Mi sono chiesto che cosa postare per rendergli omaggio, quale brano estrapolare dalla sua torrenziale, labirintica, immaginifica, brillante, tragica, divertente scrittura.
Qualunque frammento, preso a caso, potrebbe vivere autonomamente.e sarebbe indicativo della potenza che sprigiona dalle pagine di DFW.
Però un intero racconto breve sarebbe stato meglio ed ecco che lo stesso DFW mi è venuto in soccorso. Sfogliando la raccolta di racconti Brevi interviste con uomini schifosi, ecco riapparire questo breve botta e risposta tra due genitori in procinto di divorziare.
Otto anni dopo la sua morte DFW ci manca e ci mancherà ancora, negli anni a venire.

Ancora un altro esempio della porosità di certi confini (VI)

Trascrizione ricomposta della fine del matrimonio fra i genitori del signor Walter D. (“Walt”) DeLasandro jr., maggio 1956

– Non ti amo più.
– Idem con patate.
– Divorziamo e vaffanculo.
– Mi sta bene.
– E come la mettiamo con la casa mobile.
– Io so solo che mi prendo il camion.
– Vuoi dire che io mi prendo la casa mobile e tu ti prendi il camion.
– Io dico solo che quel camion là fuori è mio.
– E col ragazzino come la mettiamo.
– Per il camion dici?
– Vuoi dire che lo vorresti?
– Tu vuoi dire qualcos’altro?
– Ti sto chiedendo se stai dicendo che lo vorresti.
– Allora sei tu a dire che lo vorresti.
– Sta’ a sentire io mi prendo la casa mobile tu ti prendi il camion e per il ragazzo tiriamo a sorte.
– E’questo che stai dicendo?
– Adesso ci mettiamo qui e tiriamo a sorte.
– Vediamo un po’.
– Ma che Cristo è solo un quarto di dollaro.
– Vediamo e basta.
– Dài che aspetti.
– E va bene.
– Io tiro tu scegli?
– E se tiro io e tu scegli?
– Smettila di cazzeggiare.
(David Foster Wallace, Brevi interviste con uomini schifosi, Einaudi 2010, traduzione di Ottavio Fatica e Giovanna Gramato)

david-foster-12
David Foster Wallace (1962-2008)

 

 

 

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...