Bologna in Lettere: il crowdfunding

LOGO BIL 2016

Bologna In Lettere è integrazione e contaminazione tra arti
Il festival Bologna In Lettere è un luogo di incontro tra autori, performer, critici e editori nel quale stimolare e generare un dibattito sulla letteratura, in particolare la poesia, che vada oltre la promozione del singolo testo, ma sviluppi ricerca, condivisione e scambio attraverso la multi-disciplinarietà.
Naturale in questa ottica mantenere la completa gratuità degli eventi e il profilo internazionale delle proposte. BIL nasce da una precedente esperienza, impostata sulla condivisione di letture di autori “altri” per esplorare, approfondire e diffondere il multiforme panorama poetico italiano, che ha coinvolto diversi attori della cultura italiana impegnati in una costante opera di ricerca e diffusione della parola poetica.
Si è poi scelto di collocare l’intera esperienza a Bologna, coinvolgendo locali pubblici, biblioteche, giardini e gallerie d’arte nella realizzazione della prima maratona poetica che ha ospitato più di cento autori provenienti da tutta Italia. Da qui BIL è cresciuto fino all’edizione del 2015, ospitata nei locali del Cassero LgbtCenter, in cui hanno preso corpo i Focus su Vicinelli, Pasolini e Pagliarani, animati da critici e letterati provenienti anche da Francia e Stati Uniti.
Lateralmente, il festival promuove concorsi per adulti e ragazzi, redazione e pubblicazione di libri, antologie e cataloghi, organizzazione di convegni, workshops ed eventi letterari, al fine di promuovere la realtà bolognese quale punto focale della diffusione della letteratura contemporanea; in collaborazione con associazioni e comitati similari propone e sviluppa eventi più complessi, multimediali e poliartistici, anche in altre realtà territoriali e inoltre, attività di formazione in collaborazione con scuole, biblioteche e altre strutture.
La IV edizione, che si svolgerà nel mese di maggio 2016 (13-14, 20-21 e 27-28) sarà incentrata sulla figura di Amelia Rosselli e Antonin Artaud. Sono previsti eventi di approfondimento su Luigi Di Ruscio e Goliarda Sapienza. Ora siamo alla ricerca dei locali e delle librerie che accoglieranno gli eventi, la proiezione di cortometraggi, le esposizioni di fotografia e poesia visiva, i workshop e i momenti conviviali.
Sarà più facile con il vostro sostegno!
Come verranno utilizzati i fondi
Nelle precedenti edizioni Bologna In Lettere si è autofinanziato con piccoli contributi da sostenitori locali, le sottoscrizioni per il concorso letterario, ma soprattutto con l’attività volontaria e gratuita del suo comitato.
Ora che si è definito come evento riconosciuto in ambito nazionale, non possiamo che alzare il tiro – e quindi il livello dell’iniziativa – invitando esperti , video makers e scrittori anche internazionali, promuovendo eventi di maggiore complessità realizzativa e tecnica.
Questo crowdfunding, unito ad altre risorse, potrà permetterci di garantire un ottimo livello alla nostra manifestazione. Potremo così pagare l’ospitalità e i viaggi degli esperti e degli autori invitati; pagare strutture e sale dove poter svolgere le attività e tecnici audio e video al fine di garantire la qualità e la godibilità di ogni evento.
Chi c’è dietro al progetto
Il comitato “Bologna in lettere”, nato alla fine del 2014, con atto costituivo regolarmente registrato, è formato da personalità provenienti da diverse esperienze nel campo dell’arte performativa, della letteratura, della musica e dell’insegnamento e che da anni operano sul territorio bolognese. Obiettivi del comitato sono incrementare la visibilità della città di Bologna come centro primario di produzione culturale, identificare la letteratura come esperienza basilare e di valore, amalgamare classicità e sperimentazione attraverso la veicolazione di linguaggi multidisciplinari al passo coi tempi. Il comitato organizza un festival di letteratura (ora alla IV edizione) che pesa sempre più a livello nazionale e considerato patrimonio culturale “della città” – da qui il nome “Bologna in lettere”, in quanto elemento generatore di eventi simili diffusi su tutto il territorio. Fanno parte del comitato: Enzo Campi, Alessandro Brusa, Francesca Del Moro, Sonia Lambertini, Maria Luisa Vezzali, Alessandro Assiri, Luca Ariano, Mario Sboarina, Agnese Leo, Enea Roversi, Serenella Gatti Linares, Sergio Rotino, Rita Galbucci, Martina Campi, Iacopo Ninni.

Per sostenere Bologna in Lettere attraverso il crowdfunding basta andare sul sito Eppela, di seguito il link per approfondire:

https://www.eppela.com/it/projects/6541-bologna-in-lettere-2016

Grazie a tutti coloro che vorranno aiutare Bologna in Lettere!

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...