Lavatrici

Enea Roversi - Cartolina (2003)
Enea Roversi – Cartolina (2003)

Può un elettrodomestico come la lavatrice ispirare dei versi?
Sì, come anche il frigorifero, la televisione, o qualunque altro oggetto di uso più o meno quotidiano.
Quale legame ci sia tra Interno, uno dei miei primi tentativi poetici datato gennaio 1979 e Le macchie si dilatano, scritta a trent’anni di distanza, non lo so e non me lo chiedo neppure.
Le lavatrici lavano, sciacquano,  si usurano, vengono rottamate e sostituite da altre lavatrici.
Le poesie, a modo loro, svolgono anch’esse un’operazione di risciacquo.
Se non vengono rottamate, però, è meglio.

 

Interno

Bambini che giocano,
urlano,
si sporcano.
Lavatrici che lavano.
Televisori che vomitano immagini,
automobili che corrono,
lampade che illuminano,
termosifoni che riscaldano
ambienti in cui
occhi leggono,
bocche parlano,
denti masticano cibo,
mani toccano oggetti,
orecchie ascoltano il rumore
di lavatrici che lavano.

(Gennaio 1979)

 

Le macchie si dilatano

Le macchie si dilatano. Per poi scomparire. Inghiottite dalla centrifuga. L’anima si dibatte e si contorce, nell’ultimo risciacquo programmato. Fili intrecciati, trame tessute. Posizioni mantenute e opposizioni sostenute. Il tuono dell’acqua ripetuto: un ridanciano fulmine lo abbraccia. Prelavaggio dei pensieri. Esistenza come icona. Il sarto cuce su misura. Il monaco ha lo sguardo infelice. Quell’abito non era per lui. Mentre la lavatrice esaurisce il proprio ciclo. Una macchia è rimasta. Rossa come fragola matura. All’altezza del cuore. Forse è mancato qualcosa nella tua vita. O forse hai soltanto sbagliato ammorbidente.

(Maggio 2009)

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...