Piccoli scrittori crescono

Qualche giorno fa, in una libreria, ho visto esposto su uno scaffale il libro di Fabrizio Corona. Era accanto ai libri di Patricia Cornwell, una delle regine del giallo. Sì perché l’esordio letterario di Corona è un romanzo giallo: si intitola Chi ha ucciso Norma Jean? ed è pubblicato da Cairo Editore. Su un altro scaffale un tascabile Feltrinelli (!) di Federico Moccia accanto a Doris Lessing. L’ineffabile Moccia trionfa nello spazio delle novità e anche vicino alla cassa lo si può trovare con la sua ultima fatica (si fa per dire): L’uomo che non voleva amare, edito da Rizzoli. Prepariamoci a subirlo, perché se ne parlerà fin troppo e ci sarà sicuramente l’inevitabile film tratto dal libro. Ma la novità più gustosa sul fronte dei libri in uscita arriva da Domenico Scilipoti, proprio lui, il deputato che lo scorso dicembre saltò il fosso passando dall’Idv di Antonio Di Pietro al gruppo dei Responsabili, fondato per l’occasione insieme a Calearo (ex Pd). Fu uno dei principali artefici del salvataggio in Parlamento di un Berlusconi che sembrava ormai cotto. Scilipoti ha annunciato che uscirà il suo libro; titolo provvisorio Domenico Scilipoti . Il re dei peones – Da Berlusconi a Di Pietro. Il titolo alquanto pomposo farebbe pensare ad una sorta di saggio. O forse si tratterà di un’autobiografia e chissà se il re dei peones ci svelerà i retroscena di quello squallido momento della storia repubblicana. Moccia con i suoi amori farà come al solito il pieno di royalties, ma dietro di lui premono il giallista Corona e il peone Scilipoti, ovvero: piccoli scrittori crescono.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...