Dissonorata, un delitto d’onore in Calabria

Può succedere, in una fredda sera d’inverno in un teatro di provincia, di vivere un’emozione intensa.  Nel piccolo ed accogliente Teatro Massimo Troisi di Nonantola (MO) ha avuto luogo la rappresentazione di Dissonorata, un delitto d’onore in Calabria, scritto ed interpretato da Saverio La Ruina. Una sedia impagliata al centro del palco come unico arredo scenografico e sulla sedia lui, l’attore, o meglio lei, la piccola donna calabrese protagonista. La Ruina, senza alcun tipo di trucco e senza indossare abiti femminili se non il modesto vestitino grigio sopra i pantaloni, dà voce e corpo ad un personaggio minore eppure enorme. Si cala alla perfezione nella vita di una donna cresciuta e vissuta in una società patriarcale dove però sono le donne a tenere le fila delle attività. Un microcosmo rurale dove le donne, fin da bambine, lavorano nei campi, governano le bestie, fanno il pane e servono devotamente il padre. Se escono di casa per andare in paese sono costrette a camminare cu a capa vasciata a cuntà i petri pi nterra perchè è così che funziona e se non si attengono a questo dettato saranno giudicate svergognate o, peggio, puttane. E se sognano l’amore che verrà, per potersi sposare e non rimanere zitelle, sanno che sarà sempre il padre a scegliere per loro. La storia si dipana fino a sfiorare la tragedia, miscelando dramma e grottesco, pathos e comico. Sempre al centro della scena, dalla piccola sedia, muovendo la testa e le mani e regalando al pubblico un campionario di espressioni quanto mai articolato, La Ruina avvince e commuove lo spettatore con una performance di rara bravura e sensibilità. Con lui sulla scena, appena defilato, il pluristrumentista Gianfranco De Franco, che interviene con i tempi giusti alternando note soffuse a vere e proprie stilettate sonore. Lo spettacolo ha già ottenuto vari riconoscimenti: Premio Ubu 2007 come migliore attore italiano e migliore testo italiano e Premio Hystrio 2010 alla drammaturgia. Dello stesso autore va ricordato La Borto (2009) in cui viene indagata di nuovo la condizione femminile in un sud arcaico e per certi aspetti violento.

Dissonorata – Un delitto d’onore in Calabria, di e con Saverio La Ruina,  musiche originali eseguite dal vivo da Gianfranco De Franco, collaborazione alla regia Monica De Simone, luci Dario De Luca, organizzazione e distribuzione Settimio Pisano, produzione Scena Verticale.

(Visto il 26/02/2011 al Teatro Massimo Troisi di Nonantola)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...