A volte ritornano

E’ ormai certo il ritorno di Giuliano Ferrara in Rai, con una striscia quotidiana che andrà in onda nel prime time, al termine del Tg 1 di Minzolini (un uno-due micidiale!) nello spazio che fu occupato in passato da Il fatto di Enzo Biagi. Inutile tornare a parlare di editti bulgari e del siluramento di Biagi da parte della Rai. Riportiamo le parole usate allora dal Presidente del Consiglio.

« L’uso che Biagi… Come si chiama quell’altro? Santoro… Ma l’altro? Luttazzi, hanno fatto della televisione pubblica, pagata coi soldi di tutti, è un uso criminoso. E io credo che sia un preciso dovere da parte della nuova dirigenza di non permettere più che questo avvenga. » (Silvio Berlusconi, Sofia, 18 aprile 2002) (da Wikipedia)

Ora quindi il ritorno diFerrara in Rai, che viene salutato con entusiasmo dal Ministro per l’Attuazione del Programma (?) Gianfranco Rotondi che ha dichiarato:

“Il ritorno di Ferrara è un’opportunità per la Rai, non certo un assist al centrodestra. Per bilanciare alcune trasmissioni non sarebbe sufficiente nemmeno mandare la mia sottosegretaria Santanché in prima serata a reti unificate”.

Le polemiche sono solo all’inizio e Ferrara, da bravo incendiario quale è, saprà certo attizzarne di nuove e sempre più “gustose”. L’ex comunista, ex socialista, ex ministro (incredibile, ma vero), paladino della lotta all’aborto ed ora teorico dell’antipuritanesimo non saprà certo deluderci. E se Augusto Minzolini il direttorissimo dichiara felice che con l’arrivo di Ferrara si sentirà meno solo in Rai, la giornalista Bice Biagi, figlia di Enzo afferma che questo è purtroppo lo specchio del paese e che l’Italia di oggi si merita l’Elefantino al posto di Biagi. Del resto anche Maurizio Costanzo affonda il coltello nella ferita, dichiarando che Berlusconi ha più influenza in Rai che in Mediaset e se lo dice lui c’è da credergli.

Speriamo solo che ci venga risparmiata la visione di Giuliano in versione Er Mutanda, viste le ultime uscite del nostro eroe e la sua ultima battaglia contro il puritanesimo, con i proclami al Teatro Dal Verme (!) di Milano con tanto di esposizione di mutandoni appesi, un vero spettacolo.

Soltanto una domanda mi verrebbe da fare ai vertici Rai: ma questo Ferrara è lo stesso che anni fa bruciò con un accendino in diretta televisiva il bollettino per il pagamento del canone,  incitando gli italiani a fare altrettanto?


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...